NONIS AFFIDA LA SQUADRA A BUSETTI

” Dopo il cambio e la ricostruzione record di mezza squadra in dieci giorni, dobbiamo fare il possibile per mantenere la categoria e quindi in qualità di responsabile della società  e considerato i molteplici incarichi accumulati negli ultimi  anni , ho deciso assieme al Direttivo e al Presidente di affidare la conduzione tecnica della squadra a Davide Busetti e dedicarmi con più attenzione ad un ulteriore rafforzamento della squadra e alla gestione complessiva della società.” Continua Nonis, ” Ho scelto  Busetti  come mister ,per la sua serietà di uomo di sport e per il comportamento esemplare dimostrato in tanti anni da ottimo giocatore del Muggia. Ho apprezzato le sue qualità anche quando era un mio giovane compagno di squadra nel San Giovanni tanti anni fa.” Oltre ad aver allenato diverse squadre giovanili, ultimamente Busetti è stato il viceallenatore di Corosu con il Muggia in Eccellenza.

     IL NUOVO MUGLIA  PRONTO NEL GIRONE DI RITORNO

Nell’anticipo di Prima Categoria il Domio si impone nettamente nel derby contro il Muglia dimostrando di essere un ottimo e completo team. La società muggesana che ha praticamente cambiato squadra in corsa,  sta svolgendo da una decina di giorni una seconda preparazione  e  sta inserendo gradualmente una parte dei nuovi giocatori arrivati da poco. Il nuovo assetto sarà formato definitivamente con l’innesto degli ultimi ulteriori rinforzi  solo nei primi giorni di dicembre  nel periodo previsto dalla Figc per i trasferimenti tra società. Nel match contro il Domio da segnalare  l’ottima prestazione di Alex Leiter  il migliore dei rivieraschi; nella ripresa Fratnik colpisce il palo interno su punizione dal limite dell’area con la palla che non entra in rete e attraversa  la linea di porta. Tutti i ragazzi della Fortitudo hanno dato il massimo impegno. Davide Perossa è dovuto uscire anzitempo per una tremeda botta alla caviglia. Gangale ha stretto i denti e ha giocato tutta la gara con un gran mal di schiena dimostrando grande attaccamento alla maglia granata .
DOMIO - MUGLIA 3-0
Muglia : Scrignar,Perossa D.(Frangini),Gangale,Pohlen,Leiter,Diviccaro,Carrettin (Milanese),Perossa S.Centrone,Fratnik(Smilovich),Ellero; Lomartire,Prodan,Crevatin;

                    GRANDE VOLONTA’

Il Muglia ci mette anima e corpo, ritrova umilmente una nuova fisionomia di squadra e conquista un sudato punto contro un ostica Aquileia. La partita non offre grandi sussulti nonostante sia molto combattuta a centrocampo . Nel primo tempo Centrone si procura una buona occasione ma il suo tiro attraversa la linea di porta uscendo di un soffio. Fratnik su punizione sfiora la traversa. Ad inizio ripresa Ellero ha l’occasione d’oro per portare in vantaggio i rivieraschi ma il suo colpo di testa, su cross di Fratnik , viene parato d’istinto dal numero uno ospite. Dopo pochi minuti l’Aquileia riceve un match point ; l’arbitro concede un rigore per un fallo di mano di Carrettin centrato in barriera da un calcio di punizione dal limite dell’area. La dea bendata questa volta aiuta i granata perchè il tiro dagli 11 metri finisce alto. A fine gara ancora un brivido per la Fortitudo ma Scrignar para il pericoloso tocco ravvicinato.
Purtroppo una brutta notizia è giunta in Società. L’altra notte è mancata la mamma del nostro Vicepresidente Fanigliulo attualmente in trasferta di lavoro a Roma. All’amico Gianpiero le più sentite condoglianze dal presidente, dirigenti, tecnici e giocatori dell’ASD Muglia Fortitudo.
MUGLIA - AQUILEIA  0-0
Muglia: Scrignar,Nonis,Gangale,Pohlen,Leiter,Diviccaro,Carrettin(80′Milanese)Perossa S.,Centrone(85Smilovich)Fratnik,Ellero; Lomartire,Frangini,Prodan,Crevatin;

          IL MUGLIA CAMBIA VOLTO

Grandi novità in casa granata. Nel tentativo di risalire la classifica arrivano a Muggia: l’esperto portiere Diego Scrignar 36 anni ex Ponziana, San Giovanni e Costalunga ; l’attaccante David Fratnik classe ’82 ex Zaule, Costalunga e Zarja ; il centrocampista camerunense classe ’85  Herve Yatchouminou per tanti anni protagonista nel San Luigi e ultimamente Zarja e Ponziana ; Stefano Diviccaro 26 anni rapido e tecnico esterno destro, scuola Trieste Calcio e un passato nel San Giovanni, Costalunga e Zarja. Il Muglia Fortitudo inoltre si è accordato con ulteriori tre ottimi giocatori che  potranno però indossare la maglia granata a partire dal primo di dicembre.

       Non premiato il grande impegno

Nello scontro di bassa classifica a Gorizia i muggesani ci mettono tutto l’impegno possibile ma non riescono ad evitare la sconfitta . L’espulsione di Davide Perossa sul finire del primo tempo ha inevitabilmente influito sull’esito finale della partita. In apertura di gara Ellero non approfitta di una leggerezza del portiere goriziano e si divora un gol. Al 25′ il protagonista è ancora Ellero che viene steso brutalmente mentre si invola in rete (…fallo da ultimo uomo…) ; l’arbitro considera il fallo meritevole solo di cartellino giallo ! Sulla successiva  punizione dal limite dell’area, Pohlen sfiora l’incrocio dei pali. Alla mezzora un gran gol dell’Azzurra sblocca il match. Sul finire di tempo una sciagurata  scivolata fallosa a metacampo di Davide Perossa   induce l’arbitro a mostrargli  il cartellino rosso e costringerà i granata a giocare in dieci per quasi un ora. Ellero nel secondo tempo, con un passaggio indietro combina la frittata  servendo il centravanti dell’Azzurra  che davanti a Lomartire sigla la  rete  che chiude di fatto il match . L’orgoglio muggesano nel finale potrebbe riaprire i giochi: l’eterno Smilovich infatti  va in gol deviando in rete  un tiro-cross di Centrone ma l’arbitro,  tra lo stupore generale annulla per un inesistente fuorigioco.

AZZURRA - MUGLIA 2-0 Muglia:Lomartire,Nonis,Gangale,Pohlen,Leiter,Perossa D.,Ellero(Frangini)Carrettin(Smilovich) Centrone,Perossa S.,Milanese(Prodan); Crevatin;

            MUGLIA SPENTO !

Ci si aspettava una prova di intensità e orgoglio per raggiungere una classifica dignitosa ed invece la gran parte dei giocatori granata , hanno interpretato questa importante gara in maniera pacata, inconsistente, scialba. La sconfitta di ieri è la conferma, dopo 8 partite, che il “depresso” Muglia Fortitudo  farà parte del lotto di squadre che lotteranno per non retrocedere. La classica cura in questi casi è: tirarsi su le maniche , cambiare umilmente mentalità e incominciare a lottare su ogni pallone. Da segnalare che per i rivieraschi , l’unica occasione da rete in 90′ è capitata sui piedi del difensore Leiter a pochi minuti dalla fine.
MUGLIASANT’ANDREA  0-1
Muglia: Barbato,Nonis,Cefarin,Bertocchi,Leiter,Perossa D.(Ojo),Perossa S.(Carrettin),Di Gregorio,Centrone,Lanza,Ellero(Milanese); Lomartire,Pohlen,Gangale,Crevatin;

                 TRE PUNTI SFUMATI !!

Chi troppo spreca viene punito. Il riassunto della partita è questo ! Il Muglia ha nei piedi dei suoi giocatori diverse occasioni da rete che non sfrutta: nel primo tempo Ellero da due metri spara alto un assist di Di Gregorio , cui bastava spingere in rete ; Centrone con un ottima giocata colpisce la traversa ; ancora Centrone manca un facile gol quando spreca di testa  un cross di Nonis; ad inizio ripresa Ellero si mangia letteralmente un gol fatto tirando incredibilmente fuori da pochi passi un delizioso assist di Di Gegorio. Finalmente attorno alla mezzora Centrone si ritrova bomber e con abilità mette la palla in rete sotto la traversa. I granata sono costretti ad alcuni cambi per infortunio mentre il Turriaco nei ultimissimi minuti si butta senza remore in avanti giocando il tutto per tutto. A una manciata di secondi dalla fine un attaccante biancoazzurro pareggia deviando di testa l’ultimo tiro della partita.
MUGLIATURRIACO  1-1     rete: Centrone
Muglia: Barbato,Nonis,Cefarin,Di Gregorio,Ojo,Leiter,Ellero(65′Gangale)Bertocchi,Sabadin(70′Carrettin)Lanza(85′Milanese)Centrone;
Lomartire,Crevatin,Frangini,Perossa S.;